14231125_659353264214154_1449128952638576171_o-02

DOPO L’ASSEMBLEA NAZIONALE: LA GENERAZIONE INGOVERNABILE SCENDE NELLE PIAZZE!

Questo articolo è stato scritto da il 08 set 2016 in Metropoli e Territorio, Scuola, Slider

Ci siamo ritrovati il 6 e il 7 settembre al campeggio studentesco no tav a Venaus per confrontarci sui diversi percorsi di lotta che si sono sviluppati negli ultimi periodi e organizzarci per affrontare l’anno politico che abbiamo davanti. L’assemblea si è aperta con la narrazione e l’analisi del lavoro svolto dai movimenti in Francia, […]

virgilio studaut

TUTTO È LECITO, NIENTE È CONCESSO. Educare e punire nella scuola-azienda renziana

Questo articolo è stato scritto da il 31 mar 2016 in Metropoli e Territorio, Scuola, Slider

Sembra normale e ordinario vedere agenti in borghese e in divisa irrompere in un istituto pubblico, prendere a spallate gli studenti, chiamarli per nome e portarli via. Indecorosa invece la protesta successiva degli alunni, le richieste di spiegazioni alla dirigenza, la voglia di mostrare tutta la loro rabbia. C’è da distinguere due ruoli ben definiti […]

drBR3qx

BRESCIA: NON SIAMO UNA SPESA INUTILE – NO SETTIMANA CORTA !

Questo articolo è stato scritto da il 27 feb 2016 in Metropoli e Territorio, Scuola

Oggi, 26 febbraio 2016, è stata un’importante data di mobilitazione per Brescia.
Migliaia sono stati gli/le studenti/esse che sono scesi in piazza per gridare il loro grande dissenso verso la settimana corta, l’ennesima proposta che taglia soldi alla scuola pubblica per investirli in altre futili opere. Antecedentemente a questa giornata di mobilitazione si era cercato un dialogo con il presidente della provincia Mottinelli, il quale ha dichiarato che le motivazioni portate dagli studenti fossero ritenute “Non valide”. Com’è di consuetudine, dunque, le scelte verranno prese nei palazzi del potere senza tenere minimamente conto del parere di chi ogni giorno vive la scuola in tutti i suoi aspetti : gli/le studenti/esse.

bP4RZCQ

Contro ogni forma di repressione, solidarietà a tutti gli studenti colpiti da sanzioni disciplinari per l’occupazione!

Questo articolo è stato scritto da il 20 gen 2016 in Metropoli e Territorio, Scuola

Vediamo come a Bologna l’inaridimento del movimento giovanile abbia portato alla conseguenza che siamo ormai l’unico collettivo studentesco che in questa città porta avanti la lotta reale nelle scuole. Da anni ci battiamo come Cas in tutte le scuole bolognesi per portare avanti momenti di mobilitazione e supportiamo ogni studente che decida di mettersi in gioco in percorsi di riappropriazione e rivendicazione di diritti.

pisapisa

TRE MESI DI “BUONA SCUOLA” SENZA TREGUA

Questo articolo è stato scritto da il 25 nov 2015 in Editoriali, Scuola

Sono passati ormai 3 mesi dall’inizio della scuola e dall’ approvazione della riforma della Buona Scuola e ci sembra importante fare una valutazione sulla trasformazione che la scuola ha subito realmente a partire da quest’autunno, rispetto anche alla prospettiva di sviluppo che Renzi e il partito della nazione provano ad imporre al soggetto studentesco e giovanile.

11218870_477007235803622_4464222085719406653_n_con

Contro divieti, carovita e buona scuola, gli Studenti Autorganizzati Romani sanzionano l’USR!

Questo articolo è stato scritto da il 15 set 2015 in Scuola

Questo pomeriggio gli Studenti Autorganizzati Romani sono entrati nell’Ufficio Scolastico Regionale contestando la riforma della “Buona Scuola” e la gestione autoritaria del prefetto Gabrielli di questa città, rilanciando la mobilitazione per il 2 ottobre, data che vedrà sfilare per le vie di Roma il primo corteo studentesco dell’autunno caldo. Nonostante un anno di mobilitazioni che […]

11954714_940298996030121_3139086247448225877_n_con

REPORT ASSEMBLEA NAZIONALE STUDAUT 10/9 @VENAUS

Questo articolo è stato scritto da il 10 set 2015 in Editoriali

Durante il campeggio studentesco cominciato l’8 Settembre e che finirà il 12, molti giovani da tutta Italia si sono trovati a Venaus per prendere parte alla lotta quotidiana contro il Tav. In questi giorni abbiamo organizzato iniziative, come volantinaggi nei paesi della valle, e partecipato alla fiaccolata in solidarietà agli arrestati per il blitz al […]

aostastudaut

FUORI I FASCISTI DA AOSTA!

Questo articolo è stato scritto da il 08 ago 2015 in Scuola

Oggi, 8 agosto, circa una sessantina di antifascisti provenienti da tutto il nord-ovest dell’Italia si sono ritrovati nel capoluogo valdostano per esprimere la solidarietà nei confronti del compagno vittima di una vile aggressione fascista.

20141212_85912_r1_converted

QUALE SPAZIO PER I MOVIMENTI SOCIALI E STUDENTESCHI NEL 12 DICEMBRE?

Questo articolo è stato scritto da il 13 dic 2014 in Editoriali, Metropoli e Territorio

  C’è sciopero e sciopero. Alcuni sono sociali e autoconvocati dal basso, come quelli del 16 Ottobre e del 14 Novembre, altri sono quelli sindacali e riformisti come quelli del 25 Ottobre e 12 Dicembre. Detto ciò, bisogna dire che gli “sciopericchi” ancora muovono decine di migliaia di persone, pur non avendo nessuna rilevanza politica […]

t

TORINO #12D, SPEZZONE STUDENTESCO E SOCIALE NELLO SCIOPERO GENERALE: CARICHE E SCONTRI

Questo articolo è stato scritto da il 12 dic 2014 in Editoriali, Scuola

Oggi, 12 dicembre, in occasone dello sciopero generale, gli studenti e le studentesse sono scesi in piazza a fianco di sfrattati, rifugiati, disoccupati e precari. Lo spezzone sociale ha riunito tutte quelle persone che non si riconoscono nei partiti politici e che hanno sentito la necessità di vivere questa data discostandosi dalle sigle sindacali.
Lo spezzone è andato a contestare il governo Renzi, che si presenta come innovatore, ma che porta avanti le stesse politiche proposte da coloro che lo hanno preceduto.

OCCUPAAZIONE roma

Occupati i licei romani Righi e Manara

Questo articolo è stato scritto da il 01 dic 2014 in Editoriali, Scuola

Riteniamo che l’occupazione sia l’unico metodo per rifiutare il pensiero dell’assimilazione passiva ed allenarci al pensiero della decostruzione attiva e consapevole dei ruoli, per sperimentare attivamente il reale potenziale del ribaltamento degli equilibri di forza pur nel nostro piccolo, per intraprendere un percorso che speriamo possa causare degli effetti a lungo termine ma pronti ad “accontentarci” anche solo di un’oasi dove vivere al di fuori delle logiche aziendali di una scuola che ha abdicato al proprio ruolo